sabato 22 marzo 2008

si, sono ancora viva

Scusate le settimane d'assenza, sembrano passati anni (o ages come direbbero da queste parti) dall'ultima volta che vi ho scritto.

La prima notizia che devo assolutamente darvi e': "si': sono riuscita a procurarmi il passaporto" e "si'! Parto per l'America. Fine settimana prossimo per la precisione!". I am very happy! :)

Per ottenere il passaporto sono dovuta tornare a Milano.. e da li.. sono riuscita ad ottenerlo nel giro di un paio d'ore. Miracolo, no? :)

Vi racconto la vicenda. A Dublino l'ambasciata, dopo avermi accolto in un modo pessimo, mi ha dato le seguenti informazioni:

1- non posso richiedere il passaporto da qui perche' non sono residente in Irlanda (che sembra una cacchiata enorme visto che sul loro sito e' scritto esplicitamente il contrario, ed anche la polizia in Italia mi ha confermato che avrebbero potuto inziato la procedura da qui richiedendo un nulla osta. Burocrazia itlaia: non si smentisce mai!)
2- quando ho chiesto di spostare la residenza hanno cominciato a fare storie.. dicendo che se non ero sicura quasi al 100% di rimanere qui a lungo (cosa di cui non sono a fatto sicura) non mi conveniva spostarla perche': in Italia avrei perso cose come la mutua, sarebbe stato difficile spostare di nuovo la residenza indietro, e blah blah
3- infine mi han detto che il modo migliore era tornare in Italia e richiederlo da li'.

Inutile dire che non ho lasciato quel posto senza aver esasperato un po' tutti. Credo di aver parlato con 5 diverse persone, ma tutte mi han ripetuto le stesse cose.
Non mi e' rimasto che tentare la carta Italia. Per fortuna avevo casualmente un volo prenotato per Milano per il week-end successivo e per fortuna Milano ha un ufficio passaporti "d'emergenza". Da li' sono riuscita ad ottenerlo in un paio d'ore, ma devo ammettere che e' stata un'ardua impresa. Ho dovuto fare 4 code diverse, spiegare e rispiegare la situazione a persone diverse. Dimostrare il mio viaggio imminente con tanto di biglietto, supplicare,... ma alla fine e' qui tra le mie mani!!! :) :)

La cosa carina e' che mi trovero' in America giusto un anno dopo esser arrivata a Dublino. Un bel modo di festeggiare l'anniversario direi :)

Il week-end scorso invece si e' svolta la festa di S.Patrick.
S.Patrick e' il patron di Irlanda e viene festeggiato ogni 17 Marzo.
La cosa e' molto sentita, o sicuramente lo era in passato, infatti quasi ogni irlandese ha come secondo nome Patrick e non a caso gli Irish fuori dal loro paese vengono nominati Paddy (che e' il diminutivo di Patrick).

La festa consiste in grandi parate sparse per il paese e con le citta' invase di gente vestita di verde (colore simbolo d'Irlanda).
Io ho partecipato alla parata Dublinese con tanto di cappello verde da vikinga. :D
Io mi aspettavo ubriaconi e litri di birra, ma per fortuna cosi' non e' stato.
La citta' era invasa di famiglie, con bimbi sulle spalle dei papa' per osservare i carri passare. Probabilmente la versione alcolica della festa s'e' consumata durante la notte dalle parti di Temple bar, ma io me la sono persa.

La parata e' stata veramente piacevole, peccato solo che sono dovuta stare quasi tutto il tempo in punta di piedi a causa della folla (che comunque non era per nulla opprimente). Un gran punto a favore e' stato il tempo che sfoderando un sole piacevole ha fatto registrare un insolito S.Patrick day senza pioggia.

Con la mia videocamera (che mi sono portata dall'Italia recentemente) e ripreso un po' la giornata in modo di avere un po' di scene che faranno parte del mio video su Dublino che un giorno faro'.

Ora, prima di salutarvi, voglio farvi vedere una delle foto che riuscita a scattare dalla collina che sta proprio di fronte a casa mia. Ebbene si' sono riuscita a salirci ed e' stato bello vedere Dublino dall'alto (in particolare Tallaght e relativi sobborghi). Eccola qui:



Casa mia sta esattamente nel centro, ma non e' riconoscibile data la distanza.

Per oggi e' tutto,
Notte,
Grazia

mercoledì 5 marzo 2008

Grazia va in America -forse-

Non mi sono dimenticata di voi! Eccomi qui.

Per prima cosa devo darmi una grande notizia: a quanto pare (e' sicuro al 90%) mi mandano in America per una settimana! yeah! ;)
Peccato che io non abbia un passaporto e questo mi sta provocando dei fastidi..
ma vi rimando al prossimo post gli aggiornamenti del match "Grazia va in America VS burocrazia Italiana" con annessi consigli su come ottenere (o cercare di ottenere) un passaporto dall'estero.

Ogni volta che dico ad un irlandese che non ho un passaporto.. questo mi guarda stranito e mi poi mi chiede cose tipo: "e come ci sei venuta in Irlanda? Con la tessera della biblioteca?!". Per loro e' normale avere un passaporto perche' a quanto pare non hanno una carta d'identita'.. quindi ogni volta devo spiegare loro l'esistenza della nostra!!

Novita' lavorative non ne ho molte. Il mio capo mi ha detto che tra un paio di settimane avra' il budget per l'anno prossimo e che se avra' la disponibilita' a lui piacerebbe tenermi a tempo indeterminato. Io gli ho detto.. certo.. ma se mi fai programmare. Lui mi ha detto "oh, yeah!".. e ha cominciato a dire cose tipo 'potresti fare qualche corso di java nel frattempo visto che non hai esperienze in java.' Io gli ho risposto che di corsi credo di averne fatti abbastanza... e cosi' mi sono autoassegnata un progetto con il suo consenso, da sviluppare nel tempo libero. Lui mi ha anche dato un mentor a cui fare affidamento: il migliore del nostro gruppo.. Peccato che di tempo libero non ne abbia cosi' tanto..

Comunque gli ho gia' dato anche un nome al mio progetto: BOB. E' fantastico, e' l'acronimo di quello che fa. Non so se amo di piu' il progetto o piu' il nome che gli ho dato. :P. Purtroppo non vi posso dire di che si tratta.. se no mi rubate l'idea ;) :P.

Ora vediamo alle notizie piu' assurde. Mi vantavo con tutti quelli in possesso di un I-phone che il mio vecchio Nokia aveva una proprieta' unica: poter sopravvivere dopo essere scaraventato a terra. Peccato che Venerdi' ho trovato il modo di far fuori anche lui: mi e' caduto dal divano ed e' andato a finire esattamente dentro la tazza del te'!! Morto! :( Da quel momento l'ho soprannominato T-mobile ;) :D

Ed ora prima di salutarvi vi voglio rendere partecipi di uno scandalo televisivo. Io credevo che la DeFilippi avesse rastrellato tutto il peggio di quello che si possa vedere in TV. Invece no, mi sono dovuta ricredere quando Sabato ho visto il Jerry Springer Show. Non riuscivo a credere ai miei occhi quanto diseducativo potesse essere. Praticamente ci sono delle coppie in centro al palco.. che parlano perche' uno dei due ha tradito l'altro.. poi invitano l'amante.. e li scoppiano le risse: gente che si tira i capelli, che si dice parolacce.. e il presentatore li immobile a guardare intanto che dei tizi -tipo buttafuori- cercano di fermare la rissa. Come se queste cose fossero all'ordine del giorno, giusticate e/o giustificabili. E poi mi chiedevo.. questo e' un programma Americano.. come e' possibile che una rete irlandese, o inglese che sia, paghi per far vedere sta robaccia???

Eccovi un video preso a caso da youtube per farvi capire il genere.


Buona notte a tutti,
Grazia