martedì 1 gennaio 2008

Buon 2008!

Dublino +9 mesi.
E' nato! E' nato un nuovo anno.

Questo e' il primo capodanno che passo al di fuori dell'Italia; sono infatti tornata tre giorni fa nelle campagne dublinesi.
Ma, prima di parlarvi di come ho passato la New Year's Eve, vi voglio raccontare delle feste natalizie passate in Italia.

Milano mi ha accolta con una fitta nebbia e -5 gradi che si facevano sentire proprio tutti, nonostante non fossero stati una sorpresa. Infatti, durante il volo, il pilota dell'aereo ci annuncio' l'immintente arrivo a destinazione con queste parole: "stiamo arrivando a Milano/Malpensa. Non c'e' un filo di vento e..(!!) ci sono -5 gradi"! Inutile dire che dopo questo avvisto si e' sentito un 'Ohhhhh' generale dai vari passeggeri dell'aereo.. *noi* dubliners non eravamo neanche a conoscenza dell'esistenza di temperature sotto lo 0! (credevamo che gli zero gradi centrigradi fossero lo zero assoluto :P).

La nebbia di Milano e' unica, l'avevo dimenticata: non ti permette di vedere niente che si trovi a piu' di 10 cm da te :P. Ma in questi giorni non ho visto solo il grigiore milanese...
Queste sono alcune delle cose che mi hanno (ri)colpito:
- i ristoranti aperti fino a mezzanotte! Infatti sulla strada del ritorno a casa da Malpensa, con il Maury, ci siamo fermati in una delle tante pizzerie aperte ed io sono rimasta stupita che alle 23.00 ci facessero entrare per mangiare senza nessun problema. Qui a dublino se ti presenti in un ristorante dopo le 21 ti guardano male perche' e' troppo tardi!
- la cucina di casa mia (ovvero casa del Maury), nonostante alcune tazzine nel lavello, era splendente e pulita!
- il lavandino di casa con il miscelatore: che goduria!
- la casa calda (questa e' una critica non velata ai miei coinquilini irlandesi che non conoscono l'esistenza del termostato!)
- il poter vedere i miei ogni qual volta ne avessi voglia
- la metropolitana (!!)
e ultimo, ma non meno inportante (in inglese: last, but not least)
- lo svegliarsi la mattina con qualcuno accanto :)

Ma questi giorni sono finiti ed io sono tornata qui a Dublino.
Sono un po' malinconica, ma veramente vogliosa di completare questa esperienza nonostante senta mi abbia già dato molto.

Come dicevo ad inizio post, questo e' il primo capodanno che ho passato fuori dall'Italia, ma paradossalmente credo sia il piu' italiano di tutti quelli passati. Infatti, ieri sera mi sono un po' *ghettizzata* usando questo termine tanto inflazionato in queste settimane tra i blog dublinesi. In che senso? Nel senso che sono andata ad una festa di italiani tra italiani.
A volte e' bello poter passare del tempo tra connazionali, ci siamo infatti goduti la serata con cose che ad un irlandese medio sarebbero risultate estranee (e probabilmente così e' stato per l'unica irlandese che era tra di noi):

- abbiamo cenato con cibo prettamente Italiano, con tanto di cotechino e lenticchie - cucinate (o bruciate? :P) al punto giusto e mangiate alle 11PM ora locale corrispondente alla mezzanotte italiana :D
- alla mezzanotte Irlandese ci siamo ritrovati sul balcone ad urlare e cantare a squarcia gola canzoni del tipo: 'la donna e' mobile', 'ridi pagliaccio!' o 'con te partirò'.
- a fine serata abbiamo riso guardando su youtube gli sketch più divertenti di fantozzi: mitico!

Per finire al meglio il post, vorrei inserire una foto che mi è stata scattata ieri sera in cui esprimo il mio essere italiana. Appena me la spedisco ve la mostro.
Comunque in questa foto ci sono io, durante una conversazione con un mio amico, che faccio il mitico gesto del 'ma che cacchio dici', questo qui per capirci:
veramente 100% Made in Italy! :D

Ora vi saluto.
Ancora tanti auguri a tutti,

Grazia.

11 commenti:

Grazia ha detto...

ah, ho dimenticato di dirvi che l'esame l'ho passato!!

Ora sono a -3 dalla fine!! comincio ad intravederla! ;)

Name: Raffaele (21) ha detto...

quasi ogni volta che parlo con uno straniero, soprattutto i francesi o tedeschi, mi dicono "macchè" o "what the fuck" e fanno il gesto con le mani...
una sera abbiamo insegnato a dei tedeschi i "typical italian hand signals" e ci siamo piegati dalle risate: alcuni di questi gesti non riuscivano neanche a imitarli a momenti...
auguri di buon anno, ciao!

Agata ha detto...

ciao!! ma hai notato che sul blog di utopie la gente inserisce commenti discordanti e lui li cancella? oltretutto prima una certa tatiana gli chiedeva se si fosse divertito ad un concerto al quale lui era andato. a questo commento ho risposto io, dicendo a tatiana che era impossibile che utopie si fosse divertito a questo concerto in quanto in quanto il concerto non si era ancora tenuto. E lui che hai fatto? ha cancellato sia il mio commento sia la parte dove tatiana gli chiedeva del concerto!!!!!!!
ma che buffonate sono???? ahahhahhah, ma siamo serii!!!!

Agata ;)

Grazia ha detto...

Dai Agata, non fare cosi'! magari questa Tatiana era un anonimo camuffato da Tatiana che faceva domande a trabocchetto..

Who knows? :)

Comunque questo commento non c'entra niente con il mio post!! ;) :P

ஜღBaRbYღஜ ha detto...

ahhahah, hai nominato cose che sono tra quelle che si sentono di piu' nella lunga permanenza a Dub, specialmente il fatto di poter andare a cena alle 23.00, cosa che qui non esiste! in merito al riscaldamento della casa, quello dipende dal tipo di impianto che hai. quando vivevo a walkinstown, avevamo il metano e si riscaldava tutta la casa. dove vivo ora purtroppo ci sono quelli elettrici e quando esci da una stanza per andare in un'altra ci sono i pinguini che pattinano sul ghiaccio ad accoglierti!!!
cmq ci siamo proprio divertiti!

oooo sooole miooooooo!!!

Serpico ha detto...

grande per l'esame ;)

TopGun [Ace In The Storm] ha detto...

Bel post grazie :P
interessante il discorso dei gesti.

ti commento molto poco ma ti leggo sempre!


Buon Tutto!

Anonimo ha detto...

Ciao Grazia!
eeeh, e tu chi sei, ti starai chiedendo?!?! Ehhh...ho scoperto 2 ore fa il tuo Bloggo e ho appena finito di leggerlo tutto! Si perchè devi sapere che la mia è una vera e propria passione x l'Eire! E rileggere alcune delle esperienze che ho fatto anche io, raccontate da altri è cmq emozionante. Ad esempio le tue bellissime passeggiate per il Houth Summit, i peregrinaggia in cerca di una bibblioteca, o l'"adattarsi" alle abitudini irlandesi...Tutte cose che al momento ti possono "seccare" (o almeno x me era cosi!) ma che poi impari ad amarle! Ovviamente mi sono anche interessato alle tue avventure personali, come tutte le case che hai cambiato, il lavoro e i colleghi etc etc. Proprio un bel blogghino. E poi ti lascio immaginare la delusione che ho provato quando sn arrivato all'ultimo post, sapendo che poi (OVVIAMENTE x adesso) la storia non continuava...e che non era piu come prima,che bastava andare sul post dopo, per sapere se ti eri trasferita, o se eri riuscita ad installare il router!
Da stasera hai trovato un tuo nuovo lettore..
Ti auguro che il tuo staying in Dublin continui per il meglio. Buon 2008!
Lo

Grazia ha detto...

@ Barby, non è tanto questio del tipo di termosifone usato, è che loro decidono di tenere spenti i caloriferi finché non si sono praticamente trasformati in cubetti di ghiaccio, e poi pretendono che accendoli per un'ora la casa si riscaldi.. e se ne vengono fuori con frasi del tipo: "ma questa casa è proprio fredda". Eh, sì già! :D

@Serpico: alla fine avevi ragione alla prof. prima dell'esame mi ha fatto un po' di domande sull'irlanda. E' stato assurdo quando le ho detto che mi sarebbe piaciuto avere un accento piu' inglese che non irlandese.. mi ha guardata strana e mi ha detto una frase del tipo: "cosi' poi sembrerai una vecchia zitella come la regina?' LOL!!!!

@TopGun: non ti accorgi di quanti gesti sono tipici esclusivamente della tua cultura fino a quando non vai all'estero e provi a farli a qualcuno che proprio non li coglie e ti guarda con gli occhi a forma di punto interrogativo. :D

@Lo: che bel commento che mi hai lasciato. Forse il piu' bello che abbia ricevuto fino ad ora.. :) Grazie. In cambio ti prometto aggiornamenti non troppo dilazionati tra di loro (ma la vedo dura :P). Ciao! :)

Serpico ha detto...

eheh... grande Pagnons... da una prof che tiene il corso di critto in inglese me l'aspettavo ;)

lobo ha detto...

ma non e' vero che dopo le 23 non si puo' mangiare a dublino! 'gnoranti che non siete altro

fatevi un salto a dawson st., c'e' La Stampa Brasserie, oppure Tiger Becs

ah sono cari ? beh se entri in un qualsiasi ristorante italiano alle 23 (in periodi non di festivita') ti sputano in faccia ! :) (sto parlando di Roma e Firenze, non so Milano come si comporta ma dubito che sia dissimile)

e se poi "ci si accontenta" c'e' sempre il microonde dello SPAR 24h piu' vicino :)